Il de Martino 26-27/2016-2017 – Il canto sociale e la popular music

Siamo molto felici di comunicarvi l’uscita del nuovo numero (26-27/2016-2017) della nostra rivista «Il de Martino».

Il canto sociale e la popular music
Culture e politica dal rock alle musiche migranti:
una antologia di scritti di Alessandro Portelli

a cura di Antonio Fanelli

Con interviste a Sara Modigliani, Daniele Sepe e Marino Severini (Gang) e uno speciale su Sandra Mantovani (in allegato il CD “E per la strada”, 1967)

Copertina de «Il de Martino» 26-27

Per richiedere la rivista scrivere a iedm@iedm.it.
Contributo 15 euro più 1,28 per spese di spedizione. Per i soci iscritti all’IEdM il contributo è di 7,50 euro più 1,28 per la spedizione.
Pagando tramite bollettino potete utilizzare il c.c.p. n° 23726201 intestato a Istituto Ernesto de Martino, oppure effettuare un bonifico bancario a favore dell’Istituto Ernesto de Martino tramite il seguente IBAN: IT52B0616038100000025068C00 (Cassa di Risparmio di Firenze, filiale di Sesto Fiorentino). In entrambi i casi la causale sarà “Contributo per numero 26”.

INDICE

  • Introduzione, Antonio Fanelli
  • Dal rock alle musiche migranti, una antologia di scritti di Alessandro Portelli sul canto sociale e la popular music
    • Elvis Presley è una tigre di carta (ma sempre una tigre) (1978)
    • Cultura operaia, condizione giovanile, politicità del privato: ipotesi per una verifica sul campo (1979)
    • Tipologia della canzone operaia (1983)
    • Cristiani che bevono birra. La country music e le ambiguità della cultura operaia in America (1984)
    • La memoria della pizzica (2002)
    • La tarantella dei baraccati e il blues di Robert Johnson: l’io lirico e l’improvvisazione poetica nella cultura popolare (2002)
    • Il testamento dell’avvelenato e il riscatto della bella: ballata popolare e cultura europea (2010)
    • Ospiti: tre voci migranti in Italia (2014)
  • Un colloquio con Sandro Portelli sul canto sociale e la popular music, “Dai Pogues in poi ho iniziato a vedere il bicchiere mezzo pieno”, a cura di Antonio Fanelli
  • Il canto sociale oggi: collettivi musicali, crowdfunding e cori multietnici, a cura di Antonio Fanelli
    • “Si pronuncia crowdfounding ma di fatto è la cassa comune”, intervista a Marino Severini (Gang)
    • “Uno non può mica pensare solo a esibirsi! Parliamo dei bambini”, intervista a Sara Modigliani
    • “Perché pretendi di fare musica come se vivessi cento anni fa? Parla come mangi, canta come vivi”, intervista a Daniele Sepe
  • Uno speciale dedicato a Sandra Mantovani, a cura di Cesare Bermani e Filippo Colombara
    • Sandra Mantovani. La voce che ha cantato l’Italia popolare del Nord, Cesare Bermani
    • Fare in modo che dalla base venga il materiale, la ricerca, la riproposta. Un’intervista con Sandra Mantovani sull’attività dell’Almanacco Popolare, a cura di Cesare Bermani
    • I modi interpretativi del canto popolare (1965-1970), Sandra Mantovani
    • I dischi di Sandra. Discografia 1961-1976, a cura di Filippo Colombara
    • Gli stili della civiltà contadina non riguardano la «nuova canzone urbana»?, Cesare Bermani
    • Testi delle canzoni del CD audio, trascrizioni a cura di Sandra Mantovani
    • Indice del CD audio

Quarta di Copertina

Una antologia di scritti di Alessandro Portelli sul canto sociale e la popular music che si apre con un lungo racconto critico e biografico sull’impatto del rock nell’Italia degli anni ’50 e ’60 e prosegue con un articolo dedicato alle culture giovanili e alla crisi dei linguaggi politici tradizionali con il movimento del ’77. La raccolta procede con un saggio esemplare sulla tipologia della canzone operaia, un testo fondativo per la riflessione critica sui rapporti tra il canto sociale e la cultura di massa, quel terreno mobile, di scambi e di conflitti tra produzione egemone, creatività orale e culture popolari che Portelli prende in considerazione a partire dal confronto serrato tra la storia culturale degli Usa e quella dell’Italia: un filo rosso che lega tutti gli articoli e si sviluppa, soprattutto, grazie alla ricchezza dei materiali di ricerca sulla storia operaia di Terni, un cantiere ininterrotto di ricerca e di intervento nel territorio che dura da molti anni e che sta al centro delle riflessioni sulla storia orale e la sua metodologia, il campo di lavoro da cui parte anche la riflessione critica sul canto sociale e le sue trasformazioni. L’antologia prosegue con un articolo (forse più noto e facilmente reperibile) sulla radicata quanto ambigua natura di classe di un genere discografico come il country; si passa, poi, nel decennio successivo, all’osservazione attenta e curiosa dell’esplosione della pizzica salentina, fino alle riflessioni, a cavallo tra critica letteraria e sociologia della cultura, sulla diffusione e le trasformazioni, su scala globale, della ballata narrativa, del blues e dello stornello; e, infine, un nuovo cantiere di ricerche e di attivismo culturale con il lavoro sulle musiche migranti del Circolo Gianni Bosio di Roma.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Audizione dell’Istituto Ernesto de Martino alla Commissione Cultura della Camera dei Deputati

Logo IEdM

L’Istituto Ernesto de Martino è stato convocato dalla Commissione Cultura della Camera dei Deputati nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle “Buone pratiche di diffusione culturale”. L’audizione si è svolta ieri nella seduta delle 11.30. Erano presenti il presidente Stefano Arrighetti, Antonio Fanelli e Alessandro Portelli.

Qui potete vedere l’intera seduta.

Vi segnaliamo che dal min. 28.39 al min. 47.00 trovate l’intervento di Stefano Arrighetti, mentre dal min. 01.01.38 al min. 01.04.22 potete ascoltare la risposta di Alessandro Portelli a una richiesta di informazioni dell’on. Marisa Nicchi sulle attività del Circolo Gianni Bosio di Roma.

Qui trovate la ‘memoria’ consegnata dall’Istituto Ernesto de Martino alla Commissione Cultura: si tratta di una breve sintesi della vita odierna dell’Istituto e delle sue attività recenti o tuttora in corso.

Vi terremo informati sugli esiti dell’indagine conoscitiva, per ora vogliamo condividere con tutti i nostri soci, amici e sostenitori la soddisfazione per questo importante riconoscimento simbolico del nostro decennale lavoro.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Presentazione di “Spagna 1936. Un sogno che resiste”

No pasaran

Opera di Francesco Del Casino

 
Siamo lieti di invitarvi alla presentazione del CD Spagna ’36. Un sogno che resiste – un progetto speciale dell’Istituto Ernesto de Martino, dell’AICVAS e degli Archivi della Resistenza di Fosdinovo – che si terrà nella Sala Conferenze della Biblioteca delle Oblate, in via dell’Oriuolo 24, a Firenze, il 13 novembre 2017 alle 17.30.
L’evento è parte delle iniziative relative alla mostra Catalogna bombardata, di cui riportiamo qui sotto il calendario completo, e vedrà la partecipazione di Stefano Arrighetti (presidente dell’Istituto Ernesto de Martino), Monica Fantacci e Dalida Angelini (CGIL Toscana), e i canti a cura del Coro Novecento e i Disertori.


Comune di Firenze, Biblioteca delle Oblate, Istituto Storico Toscano della Resistenza e dell’Età Contemporanea, Centro Filippo Buonarroti

presentano

Catalogna bombardata

13-29 novembre 2017
Biblioteca delle Oblate
via dell’Oriuolo 24, Firenze

Mostra a cura di
Memorial Democràtic della Generalitat de Catalunya

13 novembre 2017

Ore 16, Sala Conferenze
Inaugurazione alla presenza dei rappresentanti degli enti proponenti e della Biblioteca, con visita guidata alla mostra.

Ore 17.30
Presentazione del CD Spagna 1936: un sogno che resiste, a cura di Istituto Ernesto de Martino, AICVAS, Archivi della Resistenza di Fosdinovo. Con Stefano Arrighetti, Monica Fantacci e Dalida Angelini (CGIL Toscana).
Canti a cura di Coro Novecento e i Disertori.

16 novembre 2017

Ore 10, Sala Conferenze
Incontro con gli studenti sulla guerra civile spagnola.
Interviene Filippo Focardi (Università di Padova), con visita guidata alla mostra.

Ore 17
Proiezione del documentario Barcellona ferita aperta di Monica Uriel.

Conferenza-dibattito con Monica Uriel (giornalista e documentarista catalana), Filippo Focardi (Università di Padova), Carlo Antonio Barberini (Centro Buonarroti Milano).

21 novembre 2017

Ore 10, Sala Conferenze
Incontro con gli studenti sulla guerra civile spagnola, a cura degli enti organizzatori.

Presentazione del libro La scelta. Antifascisti pratesi nella guerra di Spagna, con l’autore Francesco Venuti, e visita guidata alla mostra.


La mostra è aperta negli orari di apertura della Biblioteca delle Oblate.
Per prenotazione di visite didattiche scrivere a isrt@istoresistenzatoscana.it

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Ama chi ti ama. I tempi della vita raccontati dalle donne

Ama chi ti ama

Con grande piacere e con emozione vi chiediamo di sostenerci in questa nuova avventura musicale e discografica, Ama chi ti ama. I tempi della vita raccontati dalle donne, che si apre con un concorso per raccogliere immagini, disegni, illustrazioni e vignette per “raccontare” le canzoni tratte dal repertorio storico dei Dischi del Sole.

Ama chi ti ama. I tempi della vita raccontati dalle donne è il concorso per illustratori, fumettisti, disegnatori e vignettisti che Ala Bianca e Istituto Ernesto de Martino hanno ideato per celebrare la figura della donna nella canzone popolare italiana. Il concorso inizia il 20 settembre 2017 e si conclude il 20 dicembre 2017. Il regolamento completo e i materiali per partecipare sono disponibili sul sito www.amachitiama.it

La donna nella canzone popolare italiana è protagonista. All’interno di questo patrimonio culturale la figura femminile è al centro di un racconto che va oltre la sfera del quotidiano e degli affetti e diventa testimonianza di creatività, passione, impegno civile e sociale.

In occasione dell’8 marzo 2018, su questo tema verrà pubblicato un CD con quarantatré brani tratti dallo storico catalogo dei Dischi Del Sole (Edizioni Ala Bianca – Bella Ciao), la prestigiosa collana che a partire dagli anni ’60 e ’70 ha fatto conoscere al pubblico italiano un vasto repertorio di musica popolare e pubblicato opere di una nuova generazione di autori e interpreti di canti folk e d’autore, sociali e di protesta.

I fumettisti e gli illustratori in età compresa fra i 15 ed i 35 anni sono invitati a partecipare al concorso illustrando un brano assegnato loro dall’organizzazione e un secondo scelto a piacimento tra quelli elencati sul sito www.amachitiama.it.

Le opere selezionate dalla giuria presieduta da Lorena Canottiere, autrice dell’immagine di copertina, verranno pubblicate nel booklet del CD a corredo di ognuno dei quaranta brani e successivamente stampate su tavole di cm 30×30 incorniciate ed esposte in mostre itineranti in occasione di eventi di presentazione del progetto.

Con il progetto Ama chi ti ama. I tempi della vita raccontati dalle donne Ala Bianca e Istituto Ernesto De Martino intendono proporre e far conoscere ai ragazzi di oggi canzoni sconosciute ai più, lontane dai loro tempi e ritmi di vita, grazie a un nuovo sguardo offerto loro da coetanei di una nuova generazione di illustratori, fumettisti, disegnatori e vignettisti.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Wikiradio su Ivan Della Mea

Ivan Della Mea in concerto

Nella puntata di Wikiradio del 16 ottobre 2017 Mimmo Franzinelli prova a raccontare Ivan Della Mea attraverso le sue canzoni, cenni biografici e citazioni.
Qui è possibile ascoltare la registrazione.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail