Un cammino resistente

Mercoledì 22 ottobre 2014
Un cammino resistente

  • ore 17,  Santa Maria della Scala, sala San Pio
    Mostra foto-pittorica del collettivo Atahualpa e di Francesco Del Casino (22 ottobre-3 novembre 2014, ore 10-18)
  • ore 21.15, Teatro dei Rozzi
    Giovanni e Nori, una storia d’amore e Resistenza

Ingresso gratuito

La mostra di immagini e dipinti di viaggio declina il cammino, permette di viaggiare e conoscere mondi anche poco noti e apparentemente lontani da noi, che mostrano come si possa conservare l’ambiente e il paesaggio. L’obiettivo è quello di evidenziare forme nuove e antiche di viaggi sostenibili (i pellegrini della via Francigena, i Tuareg, conoscere la Madre Terra dell’America Latina…) nelle quali l’elemento culturale e cognitivo ha un ruolo diametralmente opposto rispetto al turismo mordi e fuggi. Il collettivo Atahualpa si è consolidato intorno a questo progetto.

Francesco Del Casino è ormai noto a livello internazionale per i suoi murales ad Orgosolo, in Sardegna. Molte persone ancora oggi pensano che Francesco sia sardo e non senese. È nato a Siena ed è tornato a viverci dopo un ventennio sardo. Tutte le mattine, da quasi trent’anni, regala la sua maestria artistica ai ragazzi disabili della cooperativa Riuscita Sociale. Nei pomeriggi lo possiamo trovare nel suo studio d’arte, uno scrigno prezioso dove lavora e conserva la sua generosissima produzione di dipinti e sculture. Ma la sua potente comunicatività artistica la si può trovare nei sottopassaggi grigi di una tangenziale e ti costringe a fare retromarcia perché ti pare impossibile. Oppure nobilita un muraglione di cemento armato lungo un fiume o in luoghi insoliti, ma chi ha la fortuna d’incontrarli, rimane stupito dalla capacità comunicativa e dalla potenza cromatica. Francesco Del Casino ama anche sperimentare ed è sempre in continua evoluzione. L’idea di questa mostra sul viaggio è nata in questo ultimo periodo per mescolare la sua arte e la sua visione del cammino con quella delle immagini fotografiche. Il collettivo Atahualpa ha felicemente scommesso su questo laboratorio e il risultato è sotto i vostri occhi.

— Giovanni e Nori. Una storia di amore e di Resistenza —

Giovanni e Nori

Tratto dall’omonimo libro di Daniele Biacchessi pubblicato da Laterza. Due vite straordinarie fatte di impegno civile, passione politica, Resistenza e amore.
La grande storia incontra la storia privata di due partigiani.

Daniele Biacchessi – voce narrante, testo, regia
Marino Severini – Gang – chitarra acustica e voce
Sandro Severini – Gang – chitarra elettrica
Gaetano Liguori – pianoforte
Giulio Peranzoni – disegni dal vivo

Sai com’è (Claudio Lolli / Gang)
Sai com’è, sarà forse il fatto che passano gli anni
che la testa è un ricordo e non si ferma mai,
un cinema muto che mi parla ancora di eroi e di malanni
una spina dorsale che pende soltanto verso i nostri guai
poi quei campi affollati di morti e di sangue
e gli schioppi ed i colpi brucianti nel cielo sereno
con un vento scontroso spaurito inesperto ed esangue
con quel vento che forse avrebbe fatto di meno
ma ricordo non solo la guerra e il terrore
in quei campi in montagna ho visto dei fiori
un miracolo assurdo che invita all’amore
e di tutti quei fiori il più bello eri tu, era la Nori
e poi il tempo di fare all’amore l’abbiamo trovato
ed il luogo, in campagna, in città, era la giovinezza
basta poco all’amore, del buio ed un letto od un prato
basta poco all’amore purché sia tenerezza.
Aspettavo sul ciglio guardando le stelle
fissi gli occhi, per sempre la strada in montagna.
Aspettavo da sempre le notti più belle
aspettavo e arrivava la Sandra compagna.
Ci son buchi nel cuore che non sai come dire
com’è stato difficile saperti lontana
tra le mani di gente che avrei fatto morire
prigioniera di gente che non sa chi si ama.
Ecco qua, ho una memoria che ormai non si tiene,
che cavalca, galoppa e mi fa stare male,
ecco qua il nuovo mondo e le sue sirene
e non riesco davvero a pensarne uno uguale
Sai com’è, sarà che passano gli anni
Ma anche se sono morto, per te sarò sempre Giovanni

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail