Voci, suoni e storie della Resistenza

Voci, suoni e storie della Resistenza.
Un progetto di ricerca e di valorizzazione
delle fonti orali negli archivi toscani

Per il 70° anniversario della Liberazione della Toscana (1944-2014)

Firenze - Partigiani contro franchi tiratori

Firenze, via dei Serragli, angolo via della Chiesa: partigiani in azione contro franchi tiratori, al riparo dell’angolo dove aveva sede il bar Pieri, tradizionale luogo d’incontro dei “bigi” e antifascisti. L’autore è un fotoreporter alleato non identificato (Archivio ISRT, Fototeca)

 

Grazie a un finanziamento della Regione Toscana, in occasione del 70° anniversario della Liberazione l’Istituto Ernesto de Martino darà vita al progetto Voci, suoni e storie della Resistenza. Un progetto di ricerca e di valorizzazione delle fonti orali negli archivi toscani, con il fine di censire, restaurare e valorizzare la memoria storica della lotta di Liberazione in Toscana conservata negli “archivi orali” pubblici e privati della regione.
Nel corso degli anni, sotto la spinta di diverse e convergenti aspettative (scientifiche, politiche, artistico-espressive, identitarie-locali, generazionali-formative) si è sviluppata una pratica diffusa di ricerca istituzionale e “dal basso” per ricostruire la memoria del periodo della Resistenza. I materiali sonori sono disseminati in numerosi archivi pubblici e privati, presso enti, associazioni, istituti, biblioteche o singoli ricercatori e appassionati. Molto spesso, purtroppo, sono conservati senza la necessaria cura archivistica e senza l’assistenza tecnica necessaria per la loro fruizione, spesso al limite della stessa possibilità di conservazione, vista la fragilità dei supporti magnetici e l’ingente costo della tecnologia, delle risorse e delle competenze necessarie per il lavoro di digitalizzazione dei nastri a bobina. In tal modo questa ingente mole di documenti e di fonti storiche, che rappresenta un patrimonio culturale di inestimabile valore, resta perlopiù inaccessibile e sconosciuta, anche agli stessi addetti ai lavori, nonostante le potenzialità d’uso e di divulgazione pubblica che le fonti sonore consentono in ambito formativo e artistico e grazie agli strumenti del web.
Per la realizzazione del progetto Voci, suoni e storie della Resistenza l’Istituto Ernesto de Martino ha previsto un lavoro articolati in diverse fasi.

  1. Monitoraggio e censimento delle fonti. Una ricerca capillare sulla consistenza e la dislocazione dei documenti attraverso un monitoraggio che possa connettersi al censimento regionale toscano degli “archivi orali” realizzato nel 2007 grazie al volume I custodi delle voci entrando nel merito dei materiali già censiti, per aggiornare e ampliare tale strumento archivistico con una ulteriore messa a punto sul campo, in modo da realizzare un inventario complessivo delle fonti orali sulla Resistenza presenti nella Regione Toscana.
  2. Descrizione, salvataggio, digitalizzazione dei materiali. L’Istituto Ernesto de Martino, sulla base dei risultati ottenuti, selezionerà il materiale da restaurare e digitalizzare, realizzando presso il laboratorio tecnico dell’Istituto il riversamento in copia digitale dei materiali analogici prescelti. In tal modo sarà possibile convogliare nell’Archivio sonoro dell’Istituto de Martino copia dei materiali digitalizzati, mentre gli originali e una copia digitalizzata torneranno ai soggetti proprietari. In tal modo verrà creato un punto di raccolta regionale delle fonti sonore della ricerca sulla Resistenza da rendere fruibile con un pubblico accesso e una libera consultazione.
  3. Analisi e studio dei materiali. Sulla base dei risultati del lavoro svolto sarà possibile realizzare uno studio dei materiali in grado di fornire un quadro storico della ricerca e dei suoi sviluppi, e un inventario archivistico complessivo delle fonti raccolte. L’Istituto de Martino realizzerà un dossier finale che assieme al quadro conoscitivo e documentario appronterà delle ulteriori linee di sviluppo e di valorizzazione del materiale raccolto.
  4. Fruibilità e valorizzazione. L’Istituto de Martino renderà fruibili tali materiali e li renderà consultabili presso la propria sede, previo accordo con i proprietari e i donatori; sarà inoltre possibile la valorizzazione di tale documentazione storica grazie alle attività culturali (formative e scientifiche) e agli eventi pubblici (convegni, feste, concerti, dibattiti) organizzati dal nostro Istituto in collaborazione con le istituzioni pubbliche, le università, gli enti locali e le associazioni culturali della società civile.

Chiunque voglia segnalarci i propri materiali può farlo scaricando, compilando e inviandoci questa scheda di censimento all’indirizzo iedm@iedm.it. In seguito alla ricezione potremo organizzare insieme un primo sopralluogo con una verifica dello stato dei materiali.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail