L’archivio

Una descrizione sommaria

La presenza e l’attività di Gianni Bosio, marcate dall’interesse “politico” per una storiografia globale, diedero all’Istituto un’impronta tesa a riesaminare la “nostra problematica storiografica utilizzando anche quella particolare istanza documentaria che si suole chiamare folkloristica, e avvalendosi anche di quella particolare tecnica di raccolta che si suole chiamare etnografica” (E. de Martino, Storia e folklore, in «Società», a. X, n. 5, ottobre 1954, p. 944).

I materiali raccolti e conservati dall’Istituto sono organizzati nelle seguenti sezioni: