Fondi documentari

L’IEdM conserva nel suo archivio importanti fondi documentari, raccolti nel corso degli anni intorno all’attività politico-culturale dei singoli militanti e dei gruppi che ne sono stati e ne sono ancora oggi il principale motore. Un patrimonio che è un prezioso strumento per ricostruire una storia che affonda le sue radici negli anni ’50 e srotola il proprio filo rosso attraverso diverse stagioni della politica e della cultura della sinistra italiana (e non solo).
Negli ultimi anni, proprio in ragione della crescente consapevolezza del valore storico del materiale conservato, l’IEdM ha dedicato particolare attenzioni e risorse al lavoro di ordinamento, descrizione e valorizzazione di questo patrimonio.

Il Fondo Edizioni Avanti!-Edizioni Del Gallo-Edizioni Bella Ciao (1953-1980) raccoglie la documentazione (corrispondenza, materiale preparatorio, verbali di riunioni, ecc.) relativa all’attività della casa editrice milanese che fu in un primo tempo, con il nome di Edizioni Avanti!, l’editore ufficiale del Partito socialista italiano. Dal 1953 Gianni Bosio ne fu il direttore e, ritagliandosi uno spazio di autonomia all’interno del Partito, riuscì a rilanciarne l’attività grazie al grande successo della collana omnibus “Il Gallo” diretta da Luciano della Mea (su questo si rimanda a Paolo Mencarelli, Libro e mondo popolare. Le Edizioni Avanti! di Gianni Bosio 1953-1964, Biblion 2011).
Nel 1964 le Edizioni Avanti! si resero autonome dal Psi e cambiarono il proprio nome in Edizioni Del Gallo e caratterizzarono progressivamente la propria attività soprattutto con la produzione discografica dei “Dischi del Sole”.
In seguito alla morte di Bosio (1971), nel 1975 le Edizioni cambiarono ancora una volta nome in Edizioni Musicali Bella Ciao.
Il materiale relativo alle Edizioni Avanti! (1953-1964) è stato nel 2009 oggetto di ordinamento e descrizione grazie a un finanziamento della Fondazione Monte dei Paschi di Siena (2008) ed è attualmente disponibile alla consultazione: per scaricare l’inventario, pubblicato all’interno del n. 21 della rivista “Il de Martino”,  clicca qui.
La documentazione relativa alle Edizioni Del Gallo-Bella Ciao, fino al 1980, è stata anch’essa recentemente ordinata e descritta: l’accesso alle carte (e in particolare alla Corrispondenza, è attualmente sottoposto ad autorizzazione).

Il Fondo Nuovo Canzoniere Italiano (1964-1980) raccoglie le carte relative all’attività di spettacoli del gruppo del Nuovo Canzoniere Italiano, che tra gli anni ’60 alla fine degli anni ’70 contribuì in maniera determinante alla ricerca e alla diffusione sulla canzone popolare e di protesta in Italia: corrispondenza, contratti e biografie degli artisti che vi presero parte (tra gli altri Fausto Amodei, Rudy Assuntino, Gualtiero Bertelli, Mimmo e Sandra Boninelli, Caterina Bueno, Maria Teresa Bulciolu, Giovanna Daffini, Dario Fo, Ivan Della Mea, Paolo Ciarchi, Il Gruppo padano di Piadena, Silvia Malagugini, Sandra Mantovani, Giovanna Marini, Bruno Pianta, Paolo Pietrangeli, Luisa Ronchini, Hana Roth, Michele L. Straniero), materiale preparatorio degli spettacoli (Bella Ciao; Pietà l’è morta; Ci ragiono e canto; Altri vent’anni; Domani Alessandria ieri, oggi noi; La grande paura; Il bosco degli alberi; L’Altra Italia), documentazione organizzativa relativa alle tournée e ai rapporti con gli enti ospitanti. Il Fondo è stato recentemente oggetto di ordinamento e descrizione ed è consultabile previa autorizzazione. Sulle vicende del Nuovo Canzoniere Italiano e sul suo stretto legame con l’attività dell’IEdM si rimanda a Cesare Bermani, Una storia cantata. 1962-1997: trentacinque anni di attività del Nuovo Canzoniere Italiano/Istituto Ernesto de Martino, Jaca Book 1997.

Il Fondo IEdM (1966-1980), è composto principalmente da materiale di ricerca accumulato nel corso degli dall’Istituto Ernesto de Martino per la conoscenza critica e per la presenza alternativa del mondo popolare e proletario, fondato a Milano nel 1966 per iniziativa di Gianni Bosio e Alberto Mario Cirese. Per la sua stessa natura di fondo eterogeneo e “tematico”, accumulato e conservato dal collettivo dell’IEdM tenendo insieme le diverse attività del gruppo (che comprendevano anche il lavoro editoriale delle Edizioni Del Gallo-Bella Ciao, il catalogo discografico dei Dischi del Sole e l’attività di ricerca e di spettacoli del Nuovo Canzoniere Italiano), il Fondo IEdM è forse il fondo archivistico più complesso e più prezioso conservato in Istituto. Esso si trova inoltre in stretta connessione e dialogo con il materiale della Nastroteca, di cui rappresenta a tutti gli effetti il versante documentario e uno strumento indispensabile per la sua più corretta consultazione.
Il Fondo (che comprende anche qualche faldone di corrispondenza) è stato recentemente fatto oggetto di riordino e descrizione, ed è accessibile alla consultazione.

Il Fondo Privato Gianni Bosio, di proprietà della famiglia, si trova presso l’IEdM in deposito ed è consultabile solo su autorizzazione degli eredi. Ordinato e inventariato, conserva materiale relativo all’attività politica e intellettuale di Gianni Bosio: documentazione di carattere personale (tessere, passaporti, taccuini, agende, corrispondenza, scritti brevi), materiale riguardante la sua attività di ricerca (con particolare riferimento agli studi sul marxismo in Italia, sui canti sociali e sulle rivolte contadine) e documentazione relativa alle diverse attività dell’IEdM, delle Edizioni Avanti!-Del Gallo, del Nuovo Canzoniere Italiano.