28 maggio 2019 in piazza della Loggia

Per affermare gli ideali di fratellanza e giustizia sociale, il rifiuto del fascismo,
del razzismo, dell’intolleranza, il ripudio della guerra

Per ricordare chi per questi ideali è caduto in Piazza Loggia
il 28 maggio 1974 e a Gornji Vakuf il 29 maggio 1993

Spegni l’odio, vivi le piazze, salva il futuro

Nostra piazza è il mondo intero
Musica, testimonianze, teatro, poesia

Locandina premiazione concorso poesia 23 marzo 2019 - Miniatura

29 maggio 1993 – Gornji Vakuf – Bosnia
28 maggio 1974 – piazza Loggia

28 maggio 2019
in piazza della Loggia

dalle ore 17.30
Coro di San Faustino, Coro Clandestino
e Ciurma dell’Istituto comprensivo Franchi

Appèl Ensemble Percussion

— Testimonianze —

Gisella Bottoli di Libertà e Giustizia:
le donne rileggono la Costituzione

Una rappresentante di Fridays for Future Brescia:
i ragazzi tornano in piazza

Rappresentante ONG Mediterranea Saving Humans

Saverio Ferrari dell’Osservatorio Democratico sulle nuove destre:
i nuovi volti del fascismo

Cartoni inclusi: live painting
con gli illustratori Filippelli, Abastanotti, Fantetti

Studenti Istituto Lunardi: Alessandra Tarterini, Christian Bettoni,
Gianluca Corraini, Samuele Catina, Masha Navoni (video)
28 maggio: “non aspettiamo che piova per lavarci le coscienze”

“A quel omm”
omaggio a Ivan Della Mea
con Alessio Lega, Bruno Podestà, Alessandro Sipolo

Davide Enia, attore e scrittore, evoca con la sola potenza della parola
il dramma attualissimo che attraversa il Mediterraneo

Ore 22.00: Concerto con i Corimè

CTV Telestreet: riprese e diretta web

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Gramsci, gli intellettuali e la cultura proletaria

Vi invitiamo alla presentazione del libro di Cesare Bermani

Gramsci, gli intellettuali e la cultura proletaria
Colibrì edizioni, 2007

Cesare Bermani - Gramsci, gli intellettuali e la cultura proletaria - Copertina

Venerdì 24 maggio, ore 17.00
Casa della Memoria e della Storia
Via Francesco di Sales, 5
00165, Roma – 06.6876543

Introduce Sonia Marzetti, Gruppo Storia dell’Associazione Culturale Amore e Psiche; partecipano Noemi Ghetti, storica e saggista, Alessandro Portelli, presidente del Circolo Gianni Bosio. Sarà presente l’autore.

Incontro a cura del Gruppo Storia dell’Associazione Culturale Amore e Psiche.

Il volume, corredato da due cd, raccoglie la pluridecennale ricerca gramsciana dell’autore, lavoro che per originalità d’approccio e ricchezza di contenuti si rivela di grande attualità.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Il viaggio verso la libertà

La Nuova Compagnia, in collaborazione con StraniTipi e Solopaca presenta

Sabato 9 marzo, 21.15, Casa Del Popolo di Colonnata,
piazza Rapisardi, 6, Sesto Fiorentino (FI)

Il viaggio verso la libertà
da un’idea di Riccardo Arrighetti

Testi a cura di Francesca Palli
Musiche originali di Cesare Grazzini
Inserti video: Alessandro Anichini, Niccolò Bassilici

Con Alessandro Anichini, Riccardo Arrighetti, Sergio Del Fante, Cesare Grazzini, Francesca Palli, Marzia Pieri

Tecnico video: Niccolò Bassilici
Tecnico luci: Claudia Forasassi

Ingresso riservato ai soci

Il viaggio verso la libertà - 9 marzo 2019 - Locandina

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Nostos 3 su Clara Gallini

Vi segnaliamo l’uscita del terzo numero della rivista NOSTOS dell’Associazione Internazionale Ernesto de Martino con uno speciale dedicato a Clara Gallini, una figura di rilievo internazionale nell’antropologia italiana (e una cara amica del nostro Istituto), con interventi di Clemente, Talamonti, Dei, Charuty, Padiglione, Angelini, Faeta e Rivera. Potete leggere e scaricare gratuitamente la rivista qui.

Nostos - Copertina n. 3

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail

Vita di Giovanni Pirelli

Siamo felici di segnalarvi l’uscita di un bel libro dedicato a una figura chiave per la storia del nostro Istituto:

Mariamargherita Scotti
Vita di Giovanni Pirelli
Tra cultura e impegno militante

Saggi. Storia e scienze sociali,
Donzelli, 2018, pp. XII-292
ISBN: 9788868438654
€ 27,00

Vita di Giovanni Pirelli - Copertina

Erede di una delle più importanti dinastie industriali d’Italia, Giovanni Pirelli (1918-1973) rifiuta il ruolo di imprenditore nell’azienda di famiglia per intraprendere un’altra strada, e dedicarsi alla scrittura. L’esordio narrativo è del 1952, con L’altro elemento, ma il risultato più rilevante è il romanzo A proposito di una macchina, del 1965. È in realtà l’intero mondo della cultura a interessarlo, di cui diventa presto uno dei protagonisti cruciali del Novecento: intellettuale complesso e affascinante, Giovanni imbocca percorsi insoliti e mai scontati, a cominciare dalla pubblicazione delle Lettere di condannati a morte della Resistenza (italiana ed europea, 1952 e 1954), curate insieme a Piero Malvezzi.
Ricostruendone la vita, il volume – frutto di una lunga ricerca condotta in numerosi archivi, in particolare nell’archivio personale di Pirelli, per la prima volta accessibile in tutta la sua ricchezza, e attraverso molte testimonianze orali finora inedite – illumina aspetti inediti e originali, a tratti tormentati e controversi, del suo lavoro e dei suoi posizionamenti politici, dalla militanza nel Partito socialista alle esperienze nella Nuova sinistra. Al centro di molteplici iniziative culturali e politiche, curioso ed eclettico, sperimenta teatro, musica e cinema. Dai primi anni sessanta la sua attenzione si focalizza sui movimenti anticoloniali: mediatore delle opere di autori come Frantz Fanon in Italia, intrattiene rapporti con altri leader di quei movimenti, come Neto, Franqui e Cabral, e viaggia molto, in Africa, a Cuba, negli Stati Uniti. Un instancabile impegno culturale, un’incredibile rete di relazioni con gli intellettuali più importanti dell’epoca. La morte improvvisa interrompe bruscamente le attività di Pirelli. Da subito l’eterogeneità dei suoi interessi e rapporti si traduce in una memoria polifonica e contesa: ed è a questa molteplicità di voci e di sguardi che il volume dà spazio, evitando di irrigidire una figura così complessa in una maschera, e proponendo invece al lettore, in maniera originale e feconda, nuove scoperte e nuovi interrogativi.

L’autrice

Mariamargherita Scotti (Ph.d. Università di Pisa) è archivista e ricercatrice indipendente in Storia contemporanea. Si è occupata dell’ordinamento di archivi privati e istituzionali, tra i quali l’archivio delle edizioni Avanti!-del Gallo-Bella Ciao e del nuovo Canzoniere italiano e l’archivio privato Giovanni Pirelli (Varese). Dal 2011 è curatrice dell’archivio storico Piaggio di Pontedera. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Da sinistra. Intellettuali, Partito socialista italiano e organizzazione della cultura (1953-1960) (Ediesse, 2011) e la curatela del volume collettaneo Giovanni Pirelli intellettuale del Novecento (Mimesis, 2016). Socio ordinario dell’Istituto Ernesto de Martino, è membro dei comitati scientifici della Biblioteca Franco Serantini di Pisa e della Fondazione Isec di Sesto San Giovanni.

Troverete il volume nelle librerie e potrete acquistarlo on line; per altre informazioni scriveteci.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail