Brecce nei muri

CrepaAssociazione Musicale Pane e guerra
e Ferruccio Filippazzi

presentano

Brecce nei muri
C’è una crepa in ogni cosa,
ma è da lì che entra la luce.
Leonard Cohen

Ranica (BG)
Auditorium del Centro Culturale “Roberto Gritti”
Passaggio Sciopero di Ranica 1909, snc
17 novembre 2017
ore 21

Lo spettacolo

Lo spettacolo nasce dall’unione tra un narratore “di lungo corso”, appassionato e sensibile, e un gruppo musicale che da quasi 30 anni si occupa di canto sociale.
Un incontro quasi casuale che, strada facendo, si è fatto intreccio di storie piccole e grandi, con canti originali e della tradizione, nel tentativo (potremmo dire riuscito) di diventare “voce di popolo”.
Una voce sola che canta e racconta la rabbia, la rassegnazione, l’allegria e i sogni delle vicende umane. Sempre uguali e sempre diverse.

Pane e guerra

L’associazione Pane e Guerra nasce nel 1988 a Bergamo su iniziativa delle associazioni pacifiste Lega Obiettori Coscienza e Centro Eirene in occasione di un corso di approfondimento tenuto dal ricercatore Mimmo Boninelli, e raccoglie il testimone di gruppi storici del canto di protesta degli ’60 e ’70.
L’associazione costruisce negli anni un repertorio in cui sono state raccolte e schedate centinaia di canzoni popolari, di lavoro, di emigrazione. Negli anni ’90 si dedica al canto partigiano, dando vita a iniziative e spettacoli nei luoghi della Resistenza, e avvia un lavoro di ricerca sui canti dell'”altro” Risorgimento e del brigantaggio.
Dopo il 2000 entra a far parte di una rete internazionale del canto popolare, creando sinergie con altre formazioni ed esibendosi anche a Parigi, Siviglia e Monaco di Baviera, oltre che in numerose città italiane.
È da sempre impegnata nel sociale ed è promotrice della rassegna Almen nel canto non vogliam padroni, che si è svolta nella sua quarta edizione nel 2016 a Ponteranica (BG).
A settembre 2014 è stata insignita del premio Pinuccio Verzeni “per la ricerca e la salvaguardia del canto popolare” durante la rassegna Isola Folk, per l’opera di divulgazione che ha attuato e continua ad attuare.

Ferruccio Filippazzi

L’attore, in attività dal 1973 con il gruppo musicale “…e per la strada”, prosegue la sua carriera lavorando con molti teatri (Centro Teatrale Bresciano, Teatro Stabile di Torino, Teatro del Buratto).
Nel ’98, con l’organizzatore Emilio Vita, fonda una compagnia di teatro musicale.
Con lo spettacolo E sulle case il cielo è ospite al Festival della Letteratura di Mantova e al Festival dei Due Mondi di Spoleto.
Partecipa al festival De Sidera con lo spettacolo di teatro religioso/popolare Libera nos, Domine – Rogazioni per un tempo presente di G. Pizzol, con la lettura/riflessione Nel nome di Giuda e con lo spettacolo Per quell’acerbo dolore. Con Genesi vince Teatri del Sacro 2013.
Tra le letture teatrali: Gesù Figlio dell’Uomo di Gibran, In nome della madre di Erri De Luca accompagnato dal coro Cantarchevai; La passione della madre dal Mistero Buffo di Dario Fo.
Per il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia lavora a due progetti, uno a livello nazionale e un altro più locale legato a Bergamo, città dei Mille, insieme al coro Cantarchevai, entrambi sostenuti dal Museo Storico di Bergamo e in seguito incisi su CD.
Dal ’96 al ’99 conduce un seminario sulla lettura a voce alta presso l’Università Cattolica di Milano e collabora con diversi musei italiani.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail