Ascanio Celestini in “Racconti d’estate”

Il 9 giugno ritorna all’Istituto de Martino Ascanio Celestini, accompagnato dalla fisarmonica di Gianluca Casadei.

Ascanio Celestini - Ritratto

Ascanio Celestini – Foto di Lucia Baldini

Così Ascanio ci racconta lo spettacolo Racconti d’estate: «Delle letture, un lavoro in corso, uno studio, un’improvvisazione, un incontro, uno spettacolo sbagliato. Una parte dello spettacolo è costruito da letture, una parte è improvvisato pescando dal mio repertorio. Alle volte la scaletta è scritta un’ora prima e cambia in corsa. Alcuni racconti provengono dalla tradizione popolare, altri sono completamente inediti. Certe volte sono fiabe moderne, altre volte sono trascrizioni di interviste attraverso le quali si ripercorre una storia realmente accaduta, ma un centro forse c’è sempre: è l’importanza delle parole. Quelle che ci servono per dire verso quale futuro ci stiamo incamminando. “Il nostro domani sarà più luminoso del nostro ieri. Ma chi ci garantisce che il nostro dopodomani non sarà peggio del nostro altroieri?”. Questo scrive Venedikt Erofeev e noi che viviamo oggi pescando da ieri e dall’altroieri, ci interroghiamo sul domani e sul dopodomani con canti e racconti, ma anche con un po’ di rabbia e sconcerto».

Programma

Sabato 9 giugno 2018, ore 21.15
presso l’Istituto Ernesto de Martino

Ascanio Celestini in
Racconti d’estate
con la fisarmonica di Gianluca Casadei

Ingresso 7 euro

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail