Nino Garau: partigiano e testimone

Nino Garau: partigiano e testimone

Lunedì 18 novembre 2019, ore 16.30
Biblioteca del Senato, Sala Atti Parlamentari, piazza della Minerva 38, Roma

Serata dedicata al partigiano cagliaritano Nino Garau, comandante della brigata partigiana “Aldo Casalgrandi” che il 23 aprile 1945 liberò Spilamberto.

– Saluti istituzionali –
Sen. Gianni Merlotti, Presidente per la commissione per la Biblioteca e l’Archivio Storico del Senato

– Introduce e coordina –
Valerio Strinati, Istituto Ernesto de Martino

– Intervengono –
Claudio Silingardi, Istituto Storico di Modena
Vincenzo Maria Vita, Aamod
Vincenzo Calò, ANPI
Walter Falgio, Issasco
Francesco Bachis, Università di Cagliari

– Conclude –
Dino Garau

Sarà proiettato il film Geppe e gli altri. Storia di vita di un comandante partigiano sardo, regia Francesco Bachis.

Nino Garau: partigiano e testimone

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Presentazione del documentario “Caterina”

Caterina - Locandina

Finalmente è pronto il documentario Caterina (vedi la scheda qui) su Caterina Bueno, a cui ha collaborato il nostro Istituto Ernesto de Martino.
Sarà presentato in concorso al Festival dei Popoli venerdì 8 novembre alle 21, al cinema La Compagnia a Firenze, in via Cavour 50/R, a due passi dal Duomo, da piazza San Marco e dalla stazione di Santa Maria Novella (vedi su google maps).
Dopo la proiezione del film sarà dato spazio alle domande del pubblico e, infine, concluderemo la serata suonando e improvvisando alcune canzoni di Caterina.
Potete già acquistare il biglietto direttamente alla cassa del cinema, oppure comprarlo in prevendita sul sito de La Compagnia.

Ci vediamo a Firenze!

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Seminario e assemblea annuale dell’Associazione Italiana di Storia Orale

Sabato 16 novembre 2019,
presso la sede dell’Istituto Ernesto de Martino

Seminario e assemblea annuale
dell’Associazione Italiana di Storia Orale

In collaborazione con Circolo Gianni Bosio – Contesti. Rivista di
microstoria – Istituto Ernesto de Martino – Lega di cultura di Piadena

Aiso - Seminario e assemblea 2019 - Sfondo del volantino

Programma

Ore 10.30: Incroci trafficati. Storia orale e fotografie. Introduzione di Roberta Garruccio (Università di Milano)

Interventi
Giovanni Contini (AISO), Il testimone davanti alle immagini fotografiche. Misconoscimenti significativi
Chiara Paris (AISO), Una lettura intensiva di documenti personali. Fonte orale, fotografia amatoriale e fotomontaggio
Tiziana Serena (Università di Firenze) e Laura Santi (studiosa indipendente), Attorno all’album di famiglia. Alcuni spunti su dispositivi, fotografie, oralità
Davide Tabor (Università di Torino), Ricordi a confronto. Memorie verbali e memorie visuali della guerra e della Resistenza italiana

Dibattito

Ore 13: Pranzo in sede

Ore 14: Assemblea dei soci AISO

Ore 16: Fotografie in mostra, con musica e parole. Introduzione di Antonio Fanelli (Università di Firenze)

Interventi
Giuseppe Morandi (Lega di cultura di Piadena), Parole per le fotografie de I Paisan
Giulia Zitelli Conti (AISO), Suoni e fotografie del Canzoniere della Magliana

Durante le giornate del 16 e 17 novembre saranno allestite la mostra fotografica di Giuseppe Morandi I Paisan e una selezione di fotografie di Gigi De Grossi del Canzoniere della Magliana.

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Presentazione di “Storia culturale della canzone italiana”

Sabato 16 novembre 2019, alle 18,
presso la sede dell’Istituto Ernesto de Martino

Presentazione del libro
Storia culturale della canzone italiana
di Jacopo Tomatis (Il Saggiatore, 2019)

Jacopo Tomatis - Storia culturale della canzone italiana - Copertina

Con l’autore ne discuteranno Alessandro Casellato, Antonio Fanelli, Alessandro Portelli, Claudio Silingardi.

Con la partecipazione di Peppe Voltarelli.

Tutti sappiamo – o pensiamo di sapere – che cos’è la canzone italiana. Ne parliamo con gli amici guardando Sanremo, la ascoltiamo su Spotify o su vinile, la cantiamo sotto la doccia, la amiamo, la odiamo, o tutt’e due le cose insieme. Ma che cosa rende “italiana” una canzone? Felicità, siamo tutti d’accordo, suona come una tipica “canzone italiana”, al punto che potremmo definirla “all’italiana”. E allora Via con me di Paolo Conte, coeva eppure lontana miglia e miglia dal successo sanremese di Al Bano e Romina, non lo è? O forse lo è meno, con quello swing americano e quella voce roca?

Jacopo Tomatis parte da qui, dal ripensamento delle idee più diffuse sulla canzone italiana («canzone italiana come melodia», «canzone italiana come specchio della nazione», «canzone italiana come colonna sonora del suo tempo»), per scriverne una nuova storia. Fatta circolare su spartito o su rivista, trasmessa dalla radio, suonata da dischi e juke-box, al cinema e alla tv, in concerti e festival, la canzone è stata, per un pubblico sempre più giovane, il punto di partenza per definire la propria identità (su una pista da ballo come nell’intimità della propria stanza), per fare musica e per parlare di musica. E allora hanno qualcosa da dirci non solo Vola colomba, Il cielo in una stanza, Impressioni di settembre, La canzone del sole, Preghiera in gennaio, ma anche i nostri discorsi su queste canzoni, come le ascoltiamo, come le suoniamo, come le ricordiamo.

Storia culturale della canzone italiana ripercorre i generi e le vicende della popular music in Italia ribaltando la prospettiva: osservando come la cultura abbia pensato la canzone, quale ruolo la canzone abbia avuto nella cultura e come questo sia mutato nel tempo – dal Quartetto Cetra agli urlatori, da Gino Paoli al Nuovo Canzoniere Italiano, da De Gregori a Ghali. Con la consapevolezza e l’ambizione che fare una storia della canzone in Italia non significa semplicemente raccontare la musica italiana, ma contribuire con un tassello importante a una storia culturale del nostro paese. Del resto, quando parliamo di musica non parliamo mai solo di musica.

Jacopo Tomatis, musicologo, giornalista, musicista, insegna Popular music al Dams di Torino ed è redattore del Giornale della musica.

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Canzoni contro la guerra 2019

Banksy - Bambino che infila un fiore nella canna del fucile di un soldato - 2007 - Stencil su muro - Betlemme

Sono ormai 7 anni che ogni prima domenica del mese di novembre l’Istituto Ernesto de Martino, il Comitato Fermiamo la Guerra di Firenze, il Circolo l’Affratellamento di Ricorboli, l’ANPI di Firenze, la Camera del Lavoro, in collaborazione con Le MusiQuorum, il Circolo ARCI Lavoratori di Porta al Prato e i Ribelli in Cor organizzano questa iniziativa.
La scelta della data, giornata delle Forze Armate e della vittoria nella Grande Guerra, per noi il grande macello, non è ovviamente casuale, anche se Canzoni Contro la Guerra non è mai stato rivolto soltanto al passato: anche negli anni scorsi abbiamo parlato del nostro oggi, dei conflitti contemporanei e delle loro conseguenze.

Quest’anno l’attenzione sarà rivolta alla situazione siriana e all’attacco militare turco contro i Curdi; sarà con noi Alessandro Orsetti, padre di Lorenzo “Orso”, internazionalista, volontario con le milizie curde ucciso in Siria.

Il programma

Domenica 3 novembre 2019, dalle ore 16.30
Teatro Affratellamento, via G.P. Orsini 7, Firenze

Canzoni contro la guerra

con

  • Le MusiQuorum
  • Ribelli in Cor
  • De’ Soda Sisters
  • Tiziano Mazzoni
  • Marco Chiavistrelli
  • Intervento di Alessandro Orsetti

Al termine del concerto seguirà buffet
Ingresso libero con contributo
Durante l’iniziativa sarà possibile iscriversi all’Istituto Ernesto de Martino

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail