Ricordi?

Da Bergamo Sandra Boninelli ci ha inviato un testo che è un inno alle piccole cose pensate, cantate e vissute. Sandra ci informa che questa Ricordi? era in origine un frammento di canzone che aveva iniziato a comporre suo fratello Mimmo e che lei ha completato inserendo sul finale una preghiera che sua nonna recitava prima di addormentarla. Il testo, in bergamasco con traduzione, è preceduto da queste poche righe che ci riportano a questi giorni terribili per la sua città:

Si parte di notte, soli
siamo lunghe file di camion;
solo la luna segue il cammino affannoso per tutti.
“Ci sentiamo domani, vedrai, starò meglio!”
Ti lascio un pensiero per la notte; anzi; una fola o un canto come piace a te.

Ricordi?

Lonedè de sul, coi pagn de laà
li sbandèra de culur, ol curtìl che l’è dre a sugà.
Martedè de grass, ol carnèal de strass,
am cambierà la èsta, am cambierà ’l scosàl,
e rierà ai cancèi, i storie che an se diss,
cuntade so de sira, sòi pianerotòi iff.
Mercoldè l’è ùra: “Dai mama, n’ dom a cà
che l’è ùra de fa ’l disnà”.
Po’ ’l ria ol Gioedè, an va tòcc a pregà,
un’orasiù per te e l’otra a la sità.
Venerdì ghe ’l nono che ’l cunterà ’na storia
del “Gioanì senza pùra”, per fa insognà i s-cietì.
Ol Sabat de matina, col lacc e i sbrofadèi,
an cumincia la giurnada, con tòcc i nos fradèi.
Duminica la festa, ol pà ’n de la minestra,
col prêt che ’l pregherà: “Sti atènc de fa mia pecàt”.
Ma intànt te va in lecc, col angel benedèt,
col angel magiur e la passiù del Signur;
tri angei ai pè, tri angei al cò, la Madona l’è che,
la te diss: “Dorma e posa, che pense me a tòtt”.

Lunedì di sole, i panni da lavare,
sbandiera di colori il cortile che li fa asciugare.
Martedì di grasso, lo straccio di carnevale
ci farà cambiare la veste, ci farà cambiare il grembiule.
Mercoledì è ora, “Dai mamma, andiamo a casa,
è l’ora di preparare il pranzo”.
Poi arriva giovedì, andiamo tutti a pregare,
un’orazione per te e l’altra per la tua città.
Venerdì c’è il nonno, racconterà una storia
di “Giovannino senza paura” per far sognare i bambini.
Il Sabato mattina, col latte e il pane cotto,
cominciamo la giornata con tutti i nostri fratelli.
Domenica la festa, il pane nella minestra,
col prete che pregherà: “State attenti di non fare peccati”.
Ma intanto tu vai a letto con l’angelo benedetto,
con l’angelo maggiore e la passione del Signore;
tre angeli ai piedi, tre angeli sopra la testa, la Madonna è qui
e ti dice: “Dormi e riposa, penso io a tutto”.

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail