“Vita di Giovanni Pirelli” ha vinto il Premio Matteotti

Con grandissima emozione vi comunichiamo che il libro di Mariamargherita Scotti (socio ordinario e membro del Comitato Scientifico del nostro Istituto) sulla Vita di Giovanni Pirelli. Tra cultura e impegno militante (Donzelli, 2018) ha vinto la XV edizione del Premio Giacomo Matteotti nella sezione saggistica.

Mariamargherita Scotti premiata al Matteotti

Seguono la scheda del libro e dell’autrice, dal sito della casa editrice Donzelli.

Scheda del libro

Erede di una delle più importanti dinastie industriali d’Italia, Giovanni Pirelli (1918-1973) rifiuta il ruolo di imprenditore nell’azienda di famiglia per intraprendere un’altra strada e dedicarsi alla scrittura. L’esordio narrativo è del 1952, con L’altro elemento, ma il risultato più rilevante è il romanzo A proposito di una macchina, del 1965. È in realtà l’intero mondo della cultura a interessarlo, di cui diventa presto uno dei protagonisti cruciali del Novecento: intellettuale complesso e affascinante, Giovanni imbocca percorsi insoliti e mai scontati, a cominciare dalla pubblicazione delle Lettere di condannati a morte della Resistenza (italiana ed europea, 1952 e 1954), curate insieme a Piero Malvezzi. Ricostruendone la vita, il volume – frutto di una lunga ricerca condotta in numerosi archivi, in particolare nell’archivio personale di Pirelli, per la prima volta accessibile in tutta la sua ricchezza, e attraverso molte testimonianze orali finora inedite – illumina aspetti inediti e originali, a tratti tormentati e controversi, del suo lavoro e dei suoi posizionamenti politici, dalla militanza nel Partito socialista alle esperienze nella Nuova sinistra. Al centro di molteplici iniziative culturali e politiche, curioso ed eclettico, sperimenta teatro, musica e cinema. Dai primi anni sessanta la sua attenzione si focalizza sui movimenti anticoloniali: mediatore delle opere di autori come Frantz Fanon in Italia, intrattiene rapporti con altri leader di quei movimenti, come Neto, Franqui e Cabral, e viaggia molto, in Africa, a Cuba, negli Stati Uniti. Un instancabile impegno culturale, un’incredibile rete di relazioni con gli intellettuali più importanti dell’epoca. La morte improvvisa interrompe bruscamente le attività di Pirelli. Da subito l’eterogeneità dei suoi interessi e rapporti si traduce in una memoria polifonica e contesa, ed è a questa molteplicità di voci e di sguardi che il volume dà spazio, evitando di irrigidire una figura così complessa in una maschera e proponendo invece al lettore, in maniera originale e feconda, nuove scoperte e nuovi interrogativi.

Autrice

Mariamargherita Scotti (Ph.d. Università di Pisa) è archivista e ricercatrice indipendente in Storia contemporanea. Si è occupata dell’ordinamento di archivi privati e istituzionali, tra i quali l’archivio delle edizioni Avanti!-del Gallo-Bella Ciao e del nuovo Canzoniere italiano e l’archivio privato Giovanni Pirelli (Varese). Dal 2011 è curatrice dell’archivio storico Piaggio di Pontedera. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Da sinistra. Intellettuali, Partito socialista italiano e organizzazione della cultura (1953-1960) (Ediesse, 2011) e la curatela del volume collettaneo Giovanni Pirelli intellettuale del Novecento (Mimesis, 2016). Socio ordinario dell’istituto Ernesto de Martino, è membro dei comitati scientifici della Biblioteca Franco Serantini di Pisa e della Fondazione Isec di Sesto San Giovanni.

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Ciao Paolo Ciarchi

Paolo Ciarchi

La notizia arriva come un treno in corsa che ti investe e, subito, la testa si riempie di immagini, suoni, ricordi, facce, corpi. Paolo Ciarchi è morto stanotte, al Policlinico di Milano. L’Istituto Ernesto de Martino perde il suo “piccolo uomo”, uno dei suoi pilastri; il musicista che non ha mai prodotto un long playing tutto suo ma ha suonato e cantato nei dischi di tutti e non solo con i cantori del Nuovo Canzoniere Italiano. Aveva cominciato nella Milano del cabaret, con Jannacci e Dario Fo, con i quali lavorò per anni ne La Comune per poi incontrare, dagli anni ’70, jazzisti e improvvisatori come Paolino Della Porta, Riccardo Luppi, Attilio Zanchi, gli Area; poi musiche e rumori per film e spettacoli; lo ricordiamo anche attore in un film di Davide Ferrario,”Tutta colpa di Giuda”, dove Paolo era lo Zingaro.
Ma non è questa la sede né il momento per ripercorrere la lunga carriera di Paolo. Il Ciarchi è stato un compagno di vita per tante persone della nostra piccola comunità: pensiamo al suo rapporto con Ivan Della Mea e Claudio Cormio ma, davvero, pensiamo a tutti noi, vecchi e giovani, cantanti e musicisti, organizzatori di cultura e compagni incontrati a Milano, Piadena, Fosdinovo, Sesto Fiorentino; pensiamo a lunghe tavolate dove si parla e si mangia lentamente, lui molto lentamente, dove sono nate proposte, intuizioni o semplicemente amicizia e affetto.
Pensiamo a Isabella Cagnardi, sempre insieme e vigile, pensiamo anche a noi, da oggi un po’ più soli, a cominciare dal 14 giugno, quando sarebbe stato a Sesto Fiorentino, per tre giorni, a ricordare Ivan.
L’abbraccio più grande va a Isabella e poi al figlio Giordano e a tutta la sua famiglia.
Il funerale si svolgerà sabato 18 Maggio, a partire dalle ore 10, presso il Teatro Franco Parenti, in via Pier Lombardo 14 a Milano. A nome di tutti i compagni del de Martino, ma proprio tutti.

Stefano Arrighetti

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

5×1000 e tesseramento

Cari amici e compagni,
anche quest’anno vi chiediamo di aiutare l’Istituto Ernesto de Martino donando il 5×1000 all’Associazione IO STO COL DE MARTINO ONLUS, Codice Fiscale 94255380480, nel riquadro denominato “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nel settore di cui all’articolo 10 del D.LGS. N 459 del 1997”.
Lo scopo dell’Associazione è quello di svolgere attività di sostegno, promozione e organizzazione a favore di tutte le attività dell’Istituto Ernesto de Martino.

Ricordiamo anche che è iniziato il tesseramento 2019. Come sempre il miglior modo per rinnovare o fare la tessera è quello di partecipare alle iniziative dell’Istituto, ma a chi vive lontano ricordiamo che può fare un versamento di 30 euro (15 se studente) sul Conto Corrente Postale n. 23726201 intestato a Istituto Ernesto de Martino, oppure può effettuare un bonifico a favore di Istituto Ernesto de Martino sull’IBAN IT48I0306918488100000002638; la banca è Banca Intesa San Paolo, Filiale di Sesto Fiorentino.

Un saluto a tutti.

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Siamo anche su mastodon

Care e cari,
da qualche giorno abbiamo aperto un account su mastodon.bida.im, un social network autogestito che si differenzia da quelli commerciali per tante caratteristiche positive. Se volete, quindi, potete seguirci anche lì :-)

mastodon.bida.im - logo

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail

Trasparenza

In ottemperanza alla legge Misure di trasparenza nel sistema delle erogazioni pubbliche abbiamo pubblicato il nostro rapporto.

Logo IEdM

FacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedintumblrmail